opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

I commenti più recenti

  • I fiori del male

    Baudelaire, Charles

    • 27/05/2020 Curiosità
      Le liriche di Baudelaire conobbero nuovamente e con più vigore  l’asprezza della censura dei benpensanti, conseguenza naturale dello scalpore sollevato dall’audacia dei componimenti e dall’anticonformismo dei temi trattati che sconvolsero l’intero mondo letterario europeo. Il 20 agosto si celebrò a Parigi il processo penale contro l’autore e l’editore, accusati di pubblicazione oscena. E pensare che Baudelaire voleva intitolare la sua opera “Les lesbiennes”, ovvero “Le lesbiche”, proprio per provocare quella gente che tanto disprezzava. Nonostante la censura e le critiche feroci che subì al tempo, il capolavoro di Baudelaire si diffuse in tutta Europa e ancora oggi I Fiori del Male è considerata una delle opere più innovative ed influenti a livello letterario.
  • Il colore viola

    Walker, Alice

    • 27/05/2020 Curiosità
      l romanzo è stato il bersaglio frequente dei censori e appare sull'American Library Association fra i 100 più libri censurati a causa del contenuto, a volte esplicito, di abusi e violenza.
  • Decameron

    Boccaccio, Giovanni <1313-1375>

    • 27/05/2020 Curiosità
      Il Decameron di Giovanni Boccaccio venne considerato volgare dai colti del suo tempo, ma, soprattutto, immorale dalle autorità ecclesiastiche. Le novelle, prima di diventare importante materia di studio letterario, vennero messe all’indice.
  • L'origine delle specie : abbozzo del 1842, lettere 1844-1858, comunicazione del 1858

    Darwin, Charles

    • 27/05/2020 Curio
      L’Origine della Specie di Charles Darwin confliggeva con la Genesi biblica. Nonostante il tempo trascorso, ancora oggi, soprattutto negli USA, l’insegnamento creazionista e quello evoluzionista sono materia di dibattito...
  • Mattatoio n. 5, o La crociata dei bambini

    Vonnegut, Kurt

    • 27/05/2020 Curiosità
      Il libro “Mattatoio n.5” venne bandito numerose volte dalle scuole perché considerato un romanzo dai contenuti “viziosi, immorali, psicotici, volgari e anticristiani”.
  • Ulisse

    Joyce, James

    • 27/05/2020 Curiosità
      Nel Regno Unito venne proibito ai bambini di leggere il romanzo di James Joyce a causa dei suoi contenuti a sfondo sessuale. Negli Stati Uniti, il libro venne portato in tribunale a New York e vennero bruciate 500 copie del volume. E, anche se l'Ulisse era ambientato a Dublino e il romanzo non venne mai bandito dall’Irlanda, era impossibile trovarne una copia in tutto il paese.
  • Il diario di Anna Frank

    Frank, Anne

    • 27/05/2020 Curiosità
      Il diario di Anna Frank venne bandito dopo la sua morte: non era possibile trovarlo in nessuna biblioteca e non si poteva leggere a scuola. Però, al contrario di quello che si potrebbe pensare, questa decisione non ebbe niente a che vedere con il nazismo o l’Olocausto. Il libro, infatti, venne censurato a causa di un paragrafo in cui Anna descriveva la propria anatomia in modo molto diretto e i genitori temevano che propri figli potessero imparare i nomi delle proprie parti del corpo.
  • La tela di Carlotta

    White, Elwyn Brooks

    • 27/05/2020 Curiosità
      Non è solo la Cina il paese in cui un libro dove gli animali parlano viene considerato inappropriato. Il libro per bambini “La tela di Carlotta” venne bandito in Kansas nel 2006 perché “gli animali parlanti sono blasfemi e innaturali”.
  • Il Mago di Oz

    Baum, L. Frank

    • 27/05/2020 Curiosità
      ll meraviglioso mago di Oz fu censurato e proibito in molte biblioteche e scuole degli Stati Uniti agli inizi degli anni Trenta. Successivamente, negli anni Cinquanta, perché avrebbe promosso valori ritenuti malsani a causa della protagonista femminile giudicata troppo indipendente: non era opportuno “rappresentare le donne in ruoli di forte protagonismo”. inoltre, per gli eccessivi aspetti fantastici dei suoi personaggi.
  • Il mondo nuovo ; Ritorno al mondo nuovo

    Huxley, Aldous

    • 27/05/2020 Curiosità
      Il romanzo distopico di Aldous Huxley è stato, fin dalla sua pubblicazione, messo alla gogna per le descrizioni sull’uso di droghe e le scene di sesso promiscuo. Bandito in Irlanda nel 1932, l’ultima censura è avvenuta nel 2008 in una scuola dell’Indiana. Quando il romanzo venne bandito nel 1932 in Australia, tutte le copie vennero bruciate.